covid-19: ecco come la medicina omeopatica riduce la mortalità

Shailaja ministro della sanità dello stato indiano del Kèrala
Condividi questo articolo
Share

covid-19: ecco come la medicina omeopatica riduce la mortalità

Il Ministro della sanità dello stato indiano del Kèrala, K.K Shailaja, ha avuto una menzione d’onore dalle Nazioni Unite il 24 giugno per i suoi sforzi per combattere la pandemia di coronavirus nel suo stato. È stata una delle tante leader in tutto il mondo invitate a parlare in occasione della Giornata del servizio pubblico delle Nazioni Unite. È stata l’unica relatrice del paese a parlare delle strategie adottate dal Kerala per frenare la trasmissione COVID-19.

Chiosa il dott. Ciro D’Arpa:

E’ stata insignita della menzione d’onore dell’ONU per aver ottenuto nel suo Stato una mortalità per la COVID-19 incredibilmente bassa (20 o 30 morti in tutto su 35 milioni di abitanti) grazie alla sua lucida politica di intervento precoce.

Notizie chiare, istruzioni precise, responsabilizzazione della popolazione, utilizzo delle Medicine Tradizionali.

Ha fatto eseguire la profilassi con omeopatia a due terzi della popolazione.

E’ bene che si sappiano queste cose.

Condividi questo articolo
Share

102 commenti su “covid-19: ecco come la medicina omeopatica riduce la mortalità

    1. Il ministero della sanità indiano consiglia l’assunzione di ARSENICUM ALBUM 30 CH 4 granuli per 3 giorni al risveglio. la prevenzione dura circa 1 mese.

      1. Che vuol dire per tre giorni soli? E poi la prevenzione dura un mese solo facendo questa profilassi di tre giorni?

          1. Buonasera. Visto il tempo trascorso e l’esperienza maturata, ci sono aggiornamenti sulla prevenzione e/o sull’eventuale supporto in caso di infezione conclamata? Grazie

          2. Gent Sig Paolo la prevenzione omeopatica per il covid 19 si è rivelata molto efficace pertanto continua ad essere consigliata. Per quanto riguarda la terapia della malattia conclamata, la scelta tra un pool di farmaci scelti personalizzando la terapia ha permesso di non arrivare mai a livelli gravi tanto da ospedalizzare il paziente. A seconda della sintomatologia si è passati da rimedi come BRYONIA ALBA a rimedi come EUPATORIUM PERFOLIATUM.

      2. Complimenti….non riesco a capire la prevenzione dura un mese ma i granuli da prendere 4 per tre giorni…alla settimana x un mese???

        1. i giorni di assunzione del farmaco arsenicum album sono 3 e valgono per una prevenzione di circa 30 gg

        2. Buongiorno dottore, le ultime notizie sull’andamento dell’epidemia in India sta smentendo l’efficacia della prevenzione con Arsenicum …. come lo spiega? Premetto che sono una sostenitrice convinta dell’ omeopatia per cui la mia domanda non ha toni polemici. Grazie

          1. Gent Sigra Maria come ho già risposto al sig Rossi e al Sig Bianchi al momento la situazione indiana è ancora da comprendere perchè ci sono molte, troppe variabili che possono aver favorito la crescita dei contagi. Non tutti i 29 Stati Federali dell’India hanno fatto la stessa prevenzione (il Kerala per esempio è uno di quelli che è stato più attento da questo punto di vista). Il Kerala si è distinto per aver preso misure repentine di controllo sociale e per avere incrementato negli anni le proprie politiche di welfare assistenziale, che oggi stanno portando numerosi benefici alla popolazione dello Stato. Il recente permesso alle grandi manifestazioni religiose ha fatto il resto. Ricordiamoci che gli indiani sono 1 miliardo e 366 milioni di persone e che il dramma che maggiormente si registra è legato alla scarsità d’acqua; le regole stabilite dall’OMS impongono sanificazioni e lavaggi frequenti, ma lo scarso cronico approvvigionamento idrico dell’India potrebbe causare notevoli disagi.

      3. … Chiedo una delucidazione:”la prevenzione dura circa un mese” significa che dopo aver preso per tre giorni consecutivi, al risveglio, 4 granuli di ARSENICUM ALBUM 30 CH, si ha una copertura di un mese circa?
        Grazie

        1. gentile Dnatella Frefiani
          3 giorni di terapia per 1 mese di copertura preventiva è il modello utilizzato in India

    2. È dal 1974 che mi curo con medicamenti omeopatici, ho 77 anni e non ho mai fatto vaccino antinfluenzale.
      Poiché, a oggi, ho superato anche problemi seri, desidero affrontare il coronavirus con l’omeopatia.
      Posso avere delle indicazioni?
      Grazie.

  1. Questo riconoscimento è meritato e come è noto da millenni in India e non solo ogni villaggio ha la sua farmacia rappresentata in primis dall’albero di Neem .✌️✋

  2. Si è così vero e non lo metterei minimamente in dubbio …perché non adottare universalmente questa direzione se fosse la salute di tutti noi ad interessare l’ o.m.g. ? Sembrerebbe invece che il bersaglio sia d’ordine economico, nonché geo politico. Poniamoci una semplice domanda. Siamo i buffoni del re?

  3. Perché questa notizia non è riportata da nessun media italiano? Ne i giornali nazionali e neppure le TV?

    1. Gentile Roberto purtroppo l’informazione mainstream ha bandito qualsiasi informazione pro omeopatia da circa 3 anni ma pubblica soltanto notizie infamanti e denigratorie. 3 anni fa circa infatti si è creato un patto di collaborazione tra le aziende farmaceutiche tradizionali e l’informazione che riceve dalle stesse ingenti proventi pubblicitari. Il complesso farmaceutico non vuole accettare la legge europea che nel 1 gennaio 2019 ha obbligato l’Italia ad inserire il prodotti omeopatici come farmaci AIC cioè inseriti nella farmacopea italiana.

      1. Grazie dottor Magnetti per essere sempre chiaro
        Anche io ho consigliato Arsenicum Album
        Purtroppo le nostre voci arrivano solo ad alcuni
        Ma è importante continuare con fiducia visto che ci crediamo
        Buon lavoro

    1. Il ministero della sanità indiano consiglia l’assunzione di ARSENICUM ALBUM 30 CH 4 granuli per 2 giorni al risveglio. la prevenzione dura circa 1 mese.

    1. il commento di questo soggetto affetto da omeofobia è emblematico. Lo pubblico per dimostrare il livello culturale e scientifico su cui si basa la critica all’omeopatia. Ma l’omeofobia si può curare. E’ sufficiente imparare a leggere.

    2. Ce ne sono ben altre di vere cazzate…. Posso assicurare.. Se si fosse adottato di massa questa prevenzione di per se innocua, tutto si sarebbe risolto o almeno quasi, a prescindere che capita che con gli stessi tamponi infettano le persone…. Per altro sistemi diagnostici poco attendibili, perché danno falsi positivi e falsi negativi….

  4. Prodotti omeopatici e ayurvedici per aumentare le difese naturali….il corpo si difende ..la natura è perfetta …la creazione contro le multinazionali..la natura elalgisce le sue risorse senza profitto a tutti …le multinazionali fanno business con le malattie…senza malati zero profitti… meditate gente e provate……tanti medici sono anche omeopati o ayurvedici…… vorrà dire qualcosa..certo il corpo deve imparare a difendersi ancora da solo ..la prima volta ci vuole tempo e pazie.nza poi meno poi nn ti ammali quasi più

  5. A mio marito un farmacista omeopatico ha dato una cura ed è guarito in 7 giorni.
    L’omelopatia funziona anche se purtroppo la gente non ci crede

    1. Buon giorno,
      La ringrazio tanto se può comunicarmi la cura omeopatica, visto che ieri ho avuto riposta positiva al tampone COVID-19 e sono asmatica con prolasso della valvola mitrale.
      Grazie mille
      Paola
      E-mail:
      paolagiorgia21@gmail.com

    2. Salve che cura a fatto suo marito per guarire? Io sono al 7 tampone di cui 4 tutti a bassa carica. Grazie

  6. Non capisco bene : i granuli di arsenicum album si prendono per 2 giorni e questo funziona per un mese? e poi si si devono riprendere ? è così? Grazie!

  7. Buongiorno! Grazie per aver divulgato la notizia. La stessa posologia anche per i bimbi tra i 7 e gli 11 anni? L’aggiunta di Vitamina C liposomiale?
    Grazie mille!

    1. la terapia per i bimbi è uguale.
      La vit C è sempre utile come prevenzione alle sindromi virali.

  8. Si, sono certa che l’ omeopatia dovrebbe essere inclusa nel prontuario del serbizio sanitario nazionsae come è sempre stato in quello francese, abolito, mi psre, dal loro attuale governo……!!

  9. Ho letto con molto interesse quest’articolo. Mi chiedo come mai la notizia non ha avuto più riscontro mediatico. Anche per chi è scettico un risultato così importante avrebbe dovuto essere riportato maggiormente. C’è una risposta a questo mio dubbio?

    1. Gent Sig Paolo rispondo a lei come ho risposto al sig. Roberto: purtroppo l’informazione mainstream ha bandito qualsiasi informazione pro omeopatia da circa 3 anni ma pubblica soltanto notizie infamanti e denigratorie. 3 anni fa circa infatti si è creato un patto di collaborazione tra le aziende farmaceutiche tradizionali e l’informazione che riceve dalle stesse ingenti proventi pubblicitari. Il complesso farmaceutico non vuole accettare la legge europea che nel 1 gennaio 2019 ha obbligato l’Italia ad inserire il prodotti omeopatici come farmaci AIC cioè inseriti nella farmacopea italiana.

    1. Gentile Piervittorio il suo commento si inquadra nella più classica reazione degli omeofobi cronici. Cioè fonti ridicole: OPEN (forse Novella 2000 è più attendibile!!) e offese a tutto campo sia ai pazienti che ai medici.
      Siamo seri Sig Piervittorio. La cultura senza il paraocchi le potrà giovare per curare la sua malattia che, sebbene sia oggetto di intensa azione di contagio da parte della comunicazione mainstream, rimane una malattia rara.
      La strada della conoscenza passa attraverso il coraggio di andare oltre i luoghi comuni e la cultura di regime.
      Ultimo consiglio: ultimamente gli 8000 MEDICI ITALIANI iscritti nei registri delle MnC degli ORDINI dei MEDICI italiani () che si occupano di medicina integrata sono piuttosto irritati dalla facilità con cui viene loro attribuito l’epiteto di “truffatori”. Sono partite infatti raffiche di denunce per messaggi come il suo. Faccia attenzione.

        1. Gent Sig Francesca questi farmaci sono specifici per un quadro sintomatologico spesso sovrapponibile ad un quadro influenzale. Ove si riscontrino sintomi simili nel malato possono essere utili per stimolare una risposta vitale e la guarigione del soggetto.

    2. Se non fosse per l’omeopatia sarei in dialisi già da una trentina d’anni, essendo nata con i reni policistici. I miei colleghi nefrologi si sono sempre meravigliati della mia ottima funzionalità renale a dispetto di un quadro ecografico discordante… ma si sono sempre guardati bene da chiedermi come mi curassi per avere questi risultati

  10. Da molti anni mi sto interessando e sempre piu appassionando alla omeopatia. Ho sperimentato su me stesso e un po in famiglia solo su richiesta esplicita. Quando il rimedio è scelto con cura il risultato e rapido, da minuti a qualche ora.
    Non voglio farla lunga quindi chiudo dicendo che chi afferma che i rimedi omeopatici non possono far niente perché non contengono niente (senza molecole non ci possono essere effetti molecolari, che sembra una considerazione intelligente) non sa nemmeno di cosa sta parlando!!

    1. Gent Sig Agostini il suo commento è la miglior risposta alle ridicole affermazioni del Sig PIervittorio

  11. Complimenti oer la forza di credere nella natura nei suoi benefici senza farsi confondere dalle promesse di denaro !
    Saggezza onesta e impegno sono la bade della ricerca per la salute! Bravissima!

  12. Voglio fare un grandissimo complimento per le sue risposte agli omeofobi, sono meravigliose!!!
    Vorrei venire a scuola da lei!

  13. Scusi ma non hocapito bene…io assumo 4 granuli due volte a settimana,per un mese e risulto coperta per un mese….posso continuare a prenderli oppure sono obbligata a smettere,aspettare che il mese passi e ricominciare ???

    1. Gentile Sonia
      il modello utilizzato in India per 1 mese di copertura preventiva è questo
      4 granuli al di al risveglio per 3 giorni e basta. Il mese successivo se il problema covid persiste può ripetere la procedura.

      1. Studio l’omeopatia dal 1975 e vi dico quello che ho scoperto. Tutto ciò che ci circonda ha una frequenza cioè vibra. Il corpo umano, la luce, il suono, i minerali (quarzo per gli orologi) ma anche i batteri e i virus vibrano. Se le nostre vibrazioni contrastano quelle del virus non ci ammaliamo. L’omeopatia è una informazione elettromagnetica al DNA che gli dice come vibrare per proteggersi. Linguaggio semplice per la comprensione dei non addetti. L’omeopatia non ha effetti collaterali e prima di dire che non funziona dovete provarla sul proprio corpo per una qualsiasi patologia e verificarne l’efficacia.

        1. grazie per la precisazione. chiedo consiglio ho prenotato il vaccino (75 anni) continuo con Arsenicum Album?

          1. la terapia con arsenicum agisce sull’intero suo organismo non solo sul suo sistema immunitario quindi rimane una buona risorsa di protezione nonostante il vaccino che, per altro, sta generando in molte persone recidive di infezione abbastanza inaspettate.

  14. Hanno cantato vittoria troppo presto. I casi stanno crescendo in maniera esponenziale in Kerala, come mostra questo articolo della BBC
    https://www.bbc.com/news/world-asia-india-53431672
    “The celebrations were clearly premature. Kerala took 110 days to report its first thousand cases. In mid-July, it was reporting around 800 infections a day. As of 20 July, Kerala’s caseload had crossed 12,000, with 43 reported deaths. More than 170,000 people were in quarantine, at home and in hospitals.”

  15. Grazie per queste notizie utili alla nostra salute e complimenti per il blog che ho scoperto, casualmente, soltanto ieri. L’Omeopatia è miracolosa e sono testimone di guarigioni incredibili: se si raccontano la gente non ci crede! Quando i medici allopatici mi avevano detto, a proposito di un un mio familiare che ormai non c’erano più speranze e di “godere” la persona così com’era, non mi sono rassegnato: con pazienza e costanza, sperimentando, ho trovato per ogni problema, il rimedio appropriato. L’aver studiato sui libri di omeopatia da autodidatta mi ha portato a delle soddisfazioni inimmaginabili prima e, nonostante ciò parenti ed amici sono rimasti increduli. Dispiace per loro, perché esistono rimedi che guariscono dal cancro e che sono capaci di rallentare il processo naturale di invecchiamento, oserei dire ringiovanendo l’individuo.
    Riguardo al Coronavirus il cui andamento epidemiologico ho seguito sin dalle prime notizie trapelate dalla Cina intorno al 10 gennaio, senza peraltro preoccuparmi più di tanto, vista la distanza dell’epicentro dalla nostra penisola, ma seguendo costantemente quanto avveniva e gli sviluppi anche su televisioni.
    Sapendo che l’India è il paese in cui attualmente l’omeopatia è all’avanguardia per ricerca, sviluppo, numero di medici e strutture ospedaliere omeopatiche, mi sono interessato di fare alcune ricerche in rete a partire da febbraio su come gli indiani si stavano muovendo per prevenire il virus. Mi sono così imbattuto in un sito italiano che dava chiare indicazioni sul nome del rimedio diluizione e modalità di assunzione.
    E’ stato solo venerdì 21 febbraio, quando ho appreso la notizia che a Codogno si erano registrati i primi due casi positivi, intuendo che era giunto il momento di assumere il rimedio, ordinandolo presso la mia farmacia che, ovviamente, non avendo un magazzino ha dovuto ricorrere al grossista di riferimento, ritirando il tutto il giorno successivo sabato, le 12 monodosi sufficienti per la me e la mia famiglia per il primo mese, secondo le indicazioni suggerite.
    Sono poi tornato alla farmacia una settimana dopo e il titolare mi riferì che quel rimedio era completamente esaurito presso tutti i grossisti per quanto riguardava la Boiron, mentre era disponibile la Cemon su ordinazione.
    Fortunatamente dal marzo 2017 mi sono registrato presso una farmacia francese online, fornitissima di tutti i rimedi e relative diluizioni della Boiron e Lehning, con consegne puntuali e a prezzi assai inferiori a quelli praticati dalle farmacie italiane. Non vi fornisco il nome del sito per non fare pubblicità, ma vi riferisco un esempio sul costo dei rimedi (in media costano 1/3 rispetto al prezzo praticato in Italia): il costo di un tubetto di classici granuli costa euro 2,35; mentre i tubetti monodose costano euro 2,18. Le spese di spedizione ammontano a circa 7,50 euro, mentre è gratuita per ordini superiori ai 100 euro.
    Infine vi trascrivo la notizia della monodose suggerita dal governo indiano . Notizia peraltro nota ai medici omeopatici e a chi segue silenziosamente l’omeopatia, altrimenti non si spiegherebbe il perché in una settimana il rimedio più richiesto era divenatoi introvabile!

    “La notizia può sembrare clamorosa tanto da rasentare l’assurdo per molti scettici, ma non per chi conosce l’Omeopatia: il Press Information Bureau (PIB) del Government of India ha dato indicazione di utilizzare il rimedio omeopatico Arsenicum album 30ch come mezzo di profilassi per contrastare la sindrome da Coronavirus che dalla Cina sta raggiungendo anche l’India.

    Le modalità di assunzione che suggeriscono di seguire sono una dose di Arsenicum album 30ch al giorno, a stomaco vuoto, per tre giorni. L’assunzione può essere ripetuta dopo un mese con le stesse modalità se l’infezione dovesse continuare a espandersi.”

    1. Io ho avuto molti anni fa un gravissimo problema, e con la medicina ufficiale è stato impossibile seguire le terapie, prove tante e problemi moltissimi di cui l’ultimo ho rischiato di morire…. Poi ho mollato completamente la medicina ufficiale, e ho trovato con molta difficolta una dottoressa omeopata che si è presa carico della mia situazione e mi ha risolto la grave malattia in poco più di sei mesi, quando gli altri medici (med. ufficiale) mi dicevano che ero un pazzo, uno mi ha detto che non sarei arrivato a fine anno , (mese di settembre), io veramente esausto di tutti questi medici e io a fare la cavia.. gli ho detto basta, e che tutti si muore… Si è arrabbiato molto! ( Trombosi “TVP”) Gamba dx fino al linguine…

    1. Dovrebbe essere divulgato in tv la prevenzione omeopatica covid. . . . Ma nessun politico permette questo, non vogliono in assoluto… Bisogna togliere i mezzi di comunicazione al regime e dire tutta la verità che ovviamente si conosce…

  16. BUONGIORNO DOTT MAGNETTI
    SU UN ARTICOLO LEGGO “Una menzione particolare, infine, merita il rimedio Arsenicum album che, nella profilassi come nella terapia, si è rivelato utile soprattutto nei pazienti più anziani e defedati.
    Arsenicum album, secondo le Materie Mediche omeopatiche, è il rimedio della paura, in particolare della paura della morte e della solitudine ma anche il rime- dio dell’autoimmunità e della patologia cellulare centrale che determina morte cellulare per inibizione del ciclo di Krebs e quindi per un processo di autodi- struzione con “soffocamento dell’interno” e direzione centripeta della patologia. Rimedio caratteristico soprattutto di soggetti fragili, anziani, malati e defedati.”
    Vuol dire che va bene solo per pazienti anziani e defedati? Mi sembra che invece lei lo consigli a tutti? inoltre il mio farmacista insisteva a dire che serve per tutt’altro e non per prevenire il covid ed insisteva a volermi far acquistare Oscillococcinum al suo posto , Cosa ne pensa dottore?
    grazie.

    1. Gent Sig Bianchi il farmaco arsenicum album è stato indicato dal Ministero della Salute dell’India che ha un compartimento dedicato alle medicine come l’omeopatia che è molto usata in India. I medici omeopatici indiani hanno casistiche da farci impallidire. I loro lavori scientifici possono vantare numeri che noi neppure ci sognamo. Pertanto la loro competenza è indiscussa. Personalmente, pur non avendo alcun valore scientifico, posso confermare che tutti i pazienti che stanno facendo questa prevenzione non hanno accusato la patologia. In ogni caso mi affiderei di più al consiglio di un ministero super partes (senza conflitto di interesse) piuttosto che di un singolo farmacista.

      1. Grazie dottore per la sua rapida risposta, volevo chiederle un altra cosa. Il rimedio stesso potrebbe dare dare qualche effetto collaterale?
        Grazie

        1. in terapia omeopatica non esistono effetti collaterali ma eventuali momentanei agravamenti dovuti dall’azione del farmaco in senso terapeutico. Intendo dire che il transitorio peggioramento di un sintomo ha valore positivo e benefico per il raggiungimento della guarigione.

      2. Egr. Dottor Magnetti, Le chiedo una conferma circa l’assunzione preventiva di un rimedio omeopatico, in questo caso Arsenicum Album 30CH, in quanto da un medico omeopata ho sentito affermare che in omeopatia i rimedi sono solo curativi, non preventivi: si tratta di un approccio diverso e quindi un diverso modus operandi pur rimanendo nel campo della omeopatia unicista? Grazie.

        1. gent Sig Paolo ciò che afferma il suo omeopata è corretto: il farmaco omeopatico è prescritto su un quadro sintomatologico che esprime le modalità uniche di sofferenza del paziente ma, nelle grandi epidemie del passato, parliamo per esempio di colera dove la mortalità era del 59% della popolazione, le terapie preventive e curative omeopatiche hanno risparmiato la morte a centinaia di migliaia di persone. La mortalità negli ospedali omeopatici si attestò intorno dal 4% al 16%. L’approccio preventivo passava attraverso la ricerca del cosiddetto genio epidemico cioè del farmaco che meglio copriva la sintomatologia più frequente della malattia epidemica. La diffusione dell’omeopatia nel mondo avvenne proprio grazie a questi risultati eclatanti che evidenziarono l’impotenza della medicina ufficiale.

  17. buongiorno dott Magnetti ho bisogno di un parere urgente, ho un familiare che da oggi ha diarrea e febbre 37,8 cosa gli posso dare subito
    Grazie mille

    1. sig Bianchi non leggo con regolarità i commenti del blog per cui mi accorgo solo ora del suo messaggio. Sicuramente il mio consiglio ormai non le servirà più ma dovesse capitare nuovamente le consiglio di telefonare all’Istituto Omiopatico Italiano. Qualcuno le risponderà.

      1. Buonasera Dottore, in farmacia, anche su ordinazione, non era disponibile Arsenicum Album 30 CH così l’ho acquistato a 15 CH, la posologia rimane uguale? 4 granuli i primi 3 giorni del mese? La ringrazio anticipatamente.

          1. Gentile Dott. Mi permetto di chiederle un parere su quanto scritto da Giorgio in data 27/7/20:
            “Le modalità di assunzione che suggeriscono di seguire sono una dose di Arsenicum album 30ch al giorno, a stomaco vuoto, per tre giorni. L’assunzione può essere ripetuta dopo un mese con le stesse modalità se l’infezione dovesse continuare a espandersi.”
            Trattasi di monodosi alla 30ch …. che differenza c’è con i 4 granuli da lei citati? Grazie

  18. Gentilissimo Dott. Magnetti, a scopo preventivo questa mattina ho assunto a stomaco vuoto 4 granuli di arsenicum album 30 ch ma in meno di dieci minuti mi è venuto un bruciore di stomaco durato l intera giornata; le chiedo quindi se posso continuare la prevenzione assumendolo a stomaco pieno o è meglio che lo sostituisca con epatorium perfoliatum. Grazie mille in anticipo.

    1. Se lei in passato ha sofferto di questi sintomi probabilmente ha avuto un aggravamento omeopatico. Il farmaco verosimilmente è affine al suo quadro sintomatologico. E’ necessario sentire il suo medico omeopatico.

  19. Ho scoperto solo stasera questo blog. Ho ricevuto le informazioni che cercavo per iniziare questa prevenzione di cui avevo letto un post. Grazie delle precisione delle informazioni e del sostegno

  20. Buongiorno per errore ho interpretato male la posologia e ho assunto arsenicum album per un mese di seguito come devo comportarmi ora?

    1. se non ha sperimentato sintomi di arsenicum può continuare i mesi prossimi ad assumenrlo correttamente

  21. Buongiorno, vale ancora questa prevenzione? e ARSENICUM 30 CH GRANULI DOSE UNICA O MULTIDOSE? BOIRON o altre marche?
    sicuri solo per tre mattine 4 granuli?

    grazie per la risposta

    1. conviene acquistare il tubo granuli. Le dura molti mesi per più persone. Il brand non è determinante

  22. Sono affascinata, ammirata e concorde. L’omeopatia è per me, dal 1980 l’unica via per la guarigione di quasi tutti i disturbi e malattie. Scrivo “quasi”, perché, purtroppo non guarisce, a qualsiasi potenza, in globuli, granuli o gocce, la stupidità-malafede, di chi ne nega l’efficacia. Ormai sono anziana e vivo con seria preoccupazione il momento in cui forse, non sarò più in grado di imporre la mia volontà per farmi curare con l’omeopatia, e dovrò ingurgitare intrugli chimici che, per farmi vivere qualche giorno di più, mi faranno morire intossicata. Ringrazio tutti i medici che hanno scelto la via omeopatica per obbedire al precetto Ippocratico. Grazie.

  23. buongiorno dott. Magnetti
    Alla luce degli ultimi eventi in India, con questa esplosione di contagi (250.000 ieri e quasi 1200 decessi ) vale ancora questo consiglio in merito ad Arsenicum Album CH 30? Come si spiega che il contagio era sceso quasi a zero e poi è ritornato decuplicato?
    con la variante indiana c’è un altro rimedio consigliato?
    Grazie per la sua cortese attenzione.

    1. Gent Sig Bianchi al momento la situazione indiana è ancora da comprendere perchè ci sono molte, troppe variabili che possono aver favorito la crescita dei contagi. Non tutti i 29 Stati Federali dell’India hanno fatto la stessa prevenzione (il Kerala per esempio è uno di quelli che è stato più attento da questo punto di vista). Il Kerala si è distinto per aver preso misure repentine di controllo sociale e per avere incrementato negli anni le proprie politiche di welfare assistenziale, che oggi stanno portando numerosi benefici alla popolazione dello Stato. Il recente permesso alle grandi manifestazioni religiose ha fatto il resto. Ricordiamoci che gli indiani sono 1 miliardo e 366 milioni di persone e che il dramma che maggiormente si registra è legato alla scarsità d’acqua; le regole stabilite dall’OMS impongono sanificazioni e lavaggi frequenti, ma lo scarso cronico approvvigionamento idrico dell’India potrebbe causare notevoli disagi.

  24. BUONGIORNO DOTT. MAGNETTI
    Volevo chiederle come spiega questa violentissima nuova ondata che sta agendo sull’India in questo momento la nuova curva dei contagi è impressionante ieri 260.000 casi in un giorno e1 1800 decessi, forse che la prevenzione con ARSENICUM ALBUM con la nuova variante funziona di meno?
    Grazie per la sua gentile attenzione

    1. Gent Sig Rossi come ho già scritto al sig Bianchi, al momento la situazione indiana è ancora da comprendere perchè ci sono molte, troppe variabili che possono aver favorito la crescita dei contagi. Non tutti i 29 Stati Federali dell’India hanno fatto la stessa prevenzione (il Kerala per esempio è uno di quelli che è stato più attento da questo punto di vista). Il Kerala si è distinto per aver preso misure repentine di controllo sociale e per avere incrementato negli anni le proprie politiche di welfare assistenziale, che oggi stanno portando numerosi benefici alla popolazione dello Stato. Il recente permesso alle grandi manifestazioni religiose ha fatto il resto. Ricordiamoci che gli indiani sono 1 miliardo e 366 milioni di persone e che il dramma che maggiormente si registra è legato alla scarsità d’acqua; le regole stabilite dall’OMS impongono sanificazioni e lavaggi frequenti, ma lo scarso cronico approvvigionamento idrico dell’India potrebbe causare notevoli disagi.

  25. Dott. Magnetti perché non risponde più in merito alla attuale situazione in India? Mette in discussione le sue certezze?
    Penso che bisogna anche rispondere alle domande scomode non solo a quelle facili e ai complimenti.
    Grazie

    1. Gentile Sig Emilio Bianchi la pandemia Covid 19 mi vede in prima linea da più di un anno a 12 ore al giorno di lavoro estenuante. Questo Blog ne ha molto risentito, perchè come potrà constatare i post si sono pesantemente diradati nel tempo. Ho la nausea del telefono, del computer e, per giorni non riesco neppure ad aprire la mia mail personale per la mole di lavoro che ci sta sommergendo. In questo contesto poco sopporto le sue parole “Mette in discussione le sue certezze? Penso che bisogna anche rispondere alle domande scomode non solo a quelle facili e ai complimenti.”. Io non ho certezze e come qualsiasi buon medico seguo le evidenze scientifiche e cambio il mio parere di fronte a ripetute esperienze che non seguono i canoni protocollari. Però 40 anni di esperienza clinica qualcosa insegnano. Rispondo alle domande quando trovo il tempo per farlo. Nessuno mi paga per gestire questo blog. Ho risposto ora al suo polemico commento attraverso altri commenti dei sig Bianchi e Rossi.

  26. Salve dott.Magnetti.

    Ho avuto il covid in dicembre 2020: sintomatico, non grave e curato a casa con farmaci allopatici, guarito dopo 15 gg.
    Ho fatto l’esame sierologico dopo 3 mesi con riscontro di 318 IGG. Essendomi curato più volte con medicamenti omeopatici con successo e trovandomi ora nel dilemma se vaccinarmi o no, chiedo se c’è un’alternativa omeopatica.
    Premetto di non avere mai fatto il vaccino anti-influenzale classico annuale ma di avere sempre preso influenzinum 200 o oscillococcinum 200. Mai avuta l’influenza.

    1. Gent Sig AUDISIO
      Vari lavori scientifici usciti recentemente sostengono che l’immunità da covid sia per la vita.
      Aspetterei ancora qualche per avere maggiori conferme.
      cordiali saluti

  27. Dottore , ho 75 anni e sono 39 anni che uso l’omeopatia ( quando serve) e, devo dire che ha sempre funzionato , a me e lla mia famiglia.
    Non ho mai fatto il vaccino antinfluenzale annuale e non mi sono mai ammalata; non farò nemmeno il vaccino anticovid , anche perché per varie patologie non potrei. Il mio medico di base , che si intende di omeopatia, mi ha . .. consigliato per quello antinfluenzale neOmeogriphi da prendere untubo monodose ogni 6 giorni x 6 settimane ; poi gli ho chiesto se c’era anche una cura.anticovid e mi ha dato da.prendere Citomix granuli, da.prendere 5 granuli x 5 giorni alla settimana e mi ha detto che posso continuare tutte le volte che voglio. Cosa mi consiglia ? penso che leggendo il contenuto non so cosa sono le interleuchine.Ora leggendo.le sue risposte, vorrei sapere se vado bene o devo cambiare medicinale. Grazie.nella risposta mi dicono che ho pubblicato 2 volte lo stesso commento, non è.così, forse .con la mia poca esperienza con.il web., data l’età , ho fatto qualche errore. fatemi sapere

    1. Gentil Sigra Forcina penso che lei sia in buone mani e che il suo omeopata e medico di famiglia si stia occupando del suo benessere nel migliore dei modi. Del resto nel 2011 fu pubblicato sul European Journal of Health Economy (Eur J Health Econ) un lavoro scientifico costo beneficio del Dipartimento di Economia dell’Università di Tilburg in Olanda dal titolo “I pazienti i cui medici di famiglia conoscono le medicine complementari affrontano minori spese e vivono più a lungo”. Sono stati analizzati i dati forniti da una compagnia assicurativa sanitaria olandese riferiti agli anni 2006-2009: riguardavano 150.000 assicurati, pazienti di oltre 2000 medici di medicina generale. Ne risultò che i pazienti dei medici olandesi che avevano studiato medicine complementari come l’omeopatia producevano costi sanitari inferiori per la collettività e un tasso di mortalità più basso: la riduzione era fino al 30% a seconda del gruppo di età e del tipo di conoscenze in MNC del medico. Inoltre avevano bisogno di un minor numero di ricoveri ospedalieri e di minor consumo di farmaci: ciò determinava la riduzione dei costi. Ecco perchè sarebbe importante inserire nelle competenze dei medici di famiglia l’omeopatia.
      Ps. il messaggio non era doppio
      buona serata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *