Il giornalismo può condizionare le nostre ipocondrie a fini commerciali?

Condividi questo articolo

Leggo un post del gruppo “stop mandatory vaccination “. Può essere interessante soffermarsi sul ragionamento per capire come ormai una gran parte dei media stiano dalla parte economicamente più gratificante a scapito della verità.

Noi non siamo vaccinati per:
Acinetobacter
African sleeping sickness (African trypanosomiasis) Trypanosoma brucei
AIDS
Amebiasis
Angiostrongyliasis Angiostrongylus
Anisakiasis Anisakis
Arcanobacterium haemolyticum infection
Argentine hemorrhagic
fever Junin virus
Ascariasis
Aspergillosis
Astrovirus infection
Babesiosis
Bacillus cereus infection
Bacterial pneumonia (multiple bacteria)
Bacterial vaginosis
Bacteroides infection
Balantidiasis
Bartonellosis
Baylisascaris infection Baylisascaris species
BK virus infection BK virus
Black piedra
Blastocystosis
Blastomycosis
Bolivian hemorrhagic fever Machupo virus
Botulism
Brazilian hemorrhagic fever
Brucellosis
Bubonic plague
Burkholderia infection
Calicivirus infection (Norovirus and Sapovirus)
Campylobacteriosis
Candidiasis (Moniliasis; Thrush) usually Candida albicans and other Candida species
Capillariasis Intestinal disease by Capillaria philippinensis, hepatic disease by Capillaria hepatica and pulmonary disease by Capillaria aerophila
Carrion´s disease Bartonella bacilliformis
Cat-scratch disease Bartonella henselae
Cellulitis usually Group A Streptococcus and Staphylococcus
Chagas Disease (American trypanosomiasis) Trypanosoma cruzi
Chancroid Haemophilus ducreyi
Chikungunya Alphavirus
Chlamydia Chlamydia trachomatis
Chlamydophila pneumoniae infection (Taiwan acute respiratory agent or TWAR) Chlamydophila pneumoniae
Cholera Vibrio cholerae
Chromoblastomycosis usually Fonsecaea pedrosoi
Chytridiomycosis Batrachochytrium dendrabatidis
Clonorchiasis Clonorchis sinensis
Clostridium difficile colitis Clostridium difficile
Coccidioidomycosis Coccidioides immitis and Coccidioides posadasii
Colorado tick fever (CTF) Colorado tick fever virus (CTFV)
Common cold (Acute viral rhinopharyngitis; Acute coryza) usually rhinoviruses and coronaviruses
Creutzfeldtâ Jakob disease (CJD) PRNP
Crimean-Congo hemorrhagic fever (CCHF) Crimean-Congo hemorrhagic fever virus
Cryptococcosis Cryptococcus neoformans
Cryptosporidiosis Cryptosporidium species
Cutaneous larva migrans (CLM) usually Ancylostoma braziliense; multiple other parasites
Cyclosporiasis Cyclospora cayetanensis
Cysticercosis Taenia solium
Cytomegalovirus infection
Cytomegalovirus
più altre migliaia di malattie infettive dalla D alla Z, e sono realmente migliaia.

Prendiamone una, ad esempio, la lebbra. Il motivo per cui non si teme la lebbra è perchè non esiste vaccino.

Chiedetevi, quanti genitori ci sono preoccupati per i loro figli, che potrebbero contrarre la lebbra?

Esistono ancora, migliaia di casi nel mondo. Solo in America, circa 200 casi ogni anno, lo sapevi? Io non lo sapevo, finchè non ho controllato. Non credi sia strano, che siano tutti terrorizzati per 140 casi di morbillo(dove nessuno è morto o è rimasto danneggiato permanente), ma non ci siano notizie sui circa 200 casi di lebbra ogni anno?

Tutti sanno quando e dove scoppia un focolaio di morbillo, tutti i notiziari ne parlano, come anche dei 3 casi di varicella in Los Angeles (oltretutto vaccinati per ironia della sorte).

Perchè non avete paura della lebbra? Perchè non siete preoccupati che qualcuno la possa importare da altri Paesi? Vi dico io perchè.

Perchè non c’è vaccino per la lebbra!!!! Avete paura solo di ciò per cui esiste il vaccino, è la propaganda.Vi bombardano sempre con queste notizie, vi fanno temere qualcosa e vi offrono infine una soluzione. Il morbillo e tutte le altre, diventano una preoccupazione per voi, perchè vi fanno credere così, però per la lebbra, non avete paura, ne per voi e nemmeno per i vostri figli, divertente tutto ciò, non credete?

Le uniche malattie che temiamo, sono quelle per cui esiste un vaccino e viene commercializzato. Non avevamo mai paura del morbillo e della parotite agli inizi del XX secolo, perchè i media non creavano questa paura.”

Condividi questo articolo

Un commento su “Il giornalismo può condizionare le nostre ipocondrie a fini commerciali?

  1. Assolutamente d’accordo! Ma come possiamo svegliare le coscienze degli individui? Noi abbiamo la possibilità professionale di comunicare con molte persone….ma purtroppo non la pensano tutti così!
    Dobbiamo comunque contrastare in tutti i modi questa dittatura farmacologica! Un modo lo troveremo….
    Ciao, Maria M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *