L’omeopatia, la senatrice Elena Cattaneo e la teoria dei sentieri

Condividi questo articolo

La storia continua ed ora il coro delle voci dei “salvatori del popolo dal pericolo omeopatico” si ingrossa. Anche la senatrice Elena Cattaneo, farmacologa e biologa italiana, nota per i suoi studi sulla malattia di Huntington e per le sue ricerche sulle cellule staminali, si è espressa in senso negativo sull’omeopatia senza conoscerla, senza averla mai studiata, ripetendo il solito ritornello che il Prof Silvio Garattini coniò 30 anni fa: quello dell’acqua fresca! Questo ritornello si basa su 2 lavori scientifici con esiti contrari all’omeopatia che ormai sono stati smascherati per essere frodi scientifiche, ma  nonostante questo, facendo finta di nulla questi veri asini raglianti continuano a ripetere la stessa cantilena. Ciò ha scatenato una risposta mirata a screditare la valente scienziata che, spacciata per luminare mondiale, è risultata poi essere al 440° posto nella classifica dei ricercatori mondiali. Secondo alcuni non avrebbe tutti i requisiti per meritare il posto da senatrice a vita alla sua età con dei costi futuri per la collettività non indifferenti in quanto molti altri italiani sono in graduatoria in posizioni molto più rilevanti di lei. Misteri di Parigi!!

Mi chiedo che tipo di sollecitazione avrà avuto per rilasciare una intervista di questo tipo. Un vero scienziato è appassionato al suo lavoro, alla sua ricerca, vive nel dubbio della scoperta, considera tutti i panorami possibili fino a dimostrazione contraria INEQUIVOCABILE. L’unica risposta, che vale anche per tutti gli altri, è che siano stati sollecitati in modo economico con finanziamenti personali o per il loro lavoro dalle case farmaceutiche, grandi e abili manipolatrici della classe medica. Come disse, in un redazionale, il direttore di una rivista scientifica di fama mondiale: il potere economico di Big Pharma ha DEVIATO LA BUSSOLA MORALE DEI MEDICI.

I sistemi  impiegati derivano dai migliori meccanismi consolidati dal malaffare come ha scritto Sir Richard Thompson, ex presidente del Royal College of Physicians, nonché medico personale della Regina per 21 anni. Purtroppo la grande industria farmaceutica, ovviamente guidata dal profitto e non dal bene pubblico, riesce a comprarsi la complicità dei media, dei medici e dei ricercatori.

Il sistema più semplice è ricattare l’avversario: se tu pubblichi quell’articolo a me sgradito io ti tolgo le mie pubblicità, quelle che ti permettono di sopravvivere. Non hai scelta, il risultato è sicuro.

Abbiamo assistito per anni a vergognosi comparaggi tra medici compiacenti e aziende che pur di avere un vantaggio per un farmaco hanno finanziato i progetti più inutili pur di arrivare al risultato comune: da una parte il medico aveva una notorietà nel campo della ricerca con pubblicazioni su riviste scientifiche e l’azienda aveva un ritorno economico per il rinoscimento di un nuovo farmaco. Poi, come è successo per il Vioxx e il Celebrex ritirati dal commercio qualche anno fa perchè producevano infarti come effetto collaterale, i risultati scientifici negativi venivano occultati e solo dopo le morti sempre più frequenti dei pazienti si è scoperto questa vergogna.

Ho letto una lettera di Giorgio Tulli   già Direttore del Dipartimento delle Terapie Intensive e Medicina Perioperatoria dell’Azienda Sanitaria Fiorentina al Quotidiano Sanita.it e la risposta da parte di tutte le sigle associative della medicina omeopatica che vale la pena essere letta per la chiarezza e la lucidità.

Il titolo è questo :

A chi fa tanto paura l’omeopatia?   28 MAG – Gentile Direttore,
 
la lettera che il 26 maggio la Sua testata ha pubblicato rispetto alla presunta “assurda rimborsabilità dei prodotti omeopatici” da parte della Regione Toscana necessita di una replica da parte delle più rappresentative società scientifiche del settore.
 
La trasmissione “Presa Diretta” a cui si fa riferimento, che è stata costruita e impostata per sostenere una posizione evidentemente preconcetta rispetto all’omeopatia, in totale assenza di contraddittorio in studio e violando tutti i principi di deontologia giornalistica, non è commentabile da chiunque sia dotato di un minimo di onestà intellettuale.
 
Al palese squilibrio informativo – con oltre 3/4 del minutaggio della trasmissione impegnato a tentare di censurare una pratica medica cui si rivolgono milioni di cittadini italiani e circa 100 milioni in Europa, che secondo le tesi della trasmissione sarebbero tutti indistintamente “stupidi”, “creduloni” e “ignoranti” – si sono aggiunte informazioni false, tra cui lo studio australiano al quale si è fatto riferimento e si continua a fare riferimento da chiunque voglia dimostrare l’inconsistenza della medicina Omeopatica.

Questo è un lavoro – e non uno studio scientifico, dal momento che non è mai stato sottoposto a revisione né pubblicato su alcuna rivista (ma si sa, la EBM certuni la usano solo quando fa comodo ai loro affari) – spesso sbandierato anche da illustri personaggi istituzionali che lo hanno preso come “faro” a dimostrazione delle loro convinzioni per decretare – un’ennesima volta – “la fine dell’omeopatia”. Trascurano però il fatto che tale lavoro è firmato dalla NHMRC Australiana, ente che si trova attualmente denunciato e sotto indagine da parte dell’Ombudsman del Commonwealth proprio per il gran numero di irregolarità con cui è stata condotta quella revisione.
 
Tra l’altro la prima revisione (2012) era risultata favorevole all’omeopatia, ma mai pubblicata nonostante il parere entusiastico del supervisore, Prof. Fred Mendelsohn; la seconda revisione (2015) ha utilizzato invece una metodologia arbitraria che è stata contestata da due esperti indipendenti e dalla Cochrane australasiatica. Inoltre, a dispetto delle linee guida adottate proprio da NHMRC nella Commissione del rapporto australiano non figura nemmeno un esperto in omeopatia. Orbene, per prendere a riferimento questo lavoro ci va davvero molto “coraggio”.
 
Per contro, la trasmissione ha volutamente – guarda caso – ignorato i lavori della Commissione Pubblica Svizzera, che pochi mesi prima ha raggiunto conclusioni esattamente opposte a disposizione della Redazione stessa.
 
E’ sconcertante come una notizia non verificata e non approfondita venga utilizzata e diffusa dai media che creano così lo scoop evitando di diffondere robuste repliche che ne sconfessino l’attendibilità e marchiando di infamia l’oggetto della notizia.
 
Ma ancor più sconcertante è che medici e scienziati adottino lo stesso criterio di superficialità a uso e consumo delle loro convinzioni: un modus operandi che è difficile sia riservato solo alle questioni omeopatiche, continuando a far riferimento all’unica metanalisi negativa per l’omeopatia, quella del 2005 di Shang, anch’essa criticata per “forte pregiudizio editoriale” e zeppa di errori metodologici, a fronte di altre 5 che negano che l’effetto terapeutico riscontrato nell’uso di farmaci omeopatici possa essere attribuito al solo effetto placebo.
 
Per quanto riguarda la Regione Toscana e la rimborsabilità delle prestazioni delle MNC presso gli ambulatori pubblici, sorprende che questa Regione da una parte sia stata sempre considerata una delle pochissime virtuose per la qualità del Servizio Sanitario offerto ai suoi cittadini e a tutt’oggi esempio e riferimento per il nostro Paese, e dall’altra, per aver promosso e confermato tali attività omeopatiche malgrado le sue valutazioni di costi/benefici, di gradimento e di efficacia sia contemporaneamente considerata “censurabile”.
 
Produrremo ancora una volta la mole di lavori scientifici che in tutto il mondo sono stati pubblicati e le strategie OMS dove “le medicine tradizionali” sono definite un caposaldo dell’assistenza sanitaria nel mondo.
 
In ultimo, qualche considerazione sull’effetto placebo. A parte il fatto che si curano omeopaticamente bambini, animali e piante sui quali è impossibile invocare l’effetto placebo, segnaliamo che in genere i malati fanno la prima richiesta di intervento sulla loro salute alla medicina accademica e quando non risolvono nulla o i farmaci loro prescritti devono essere sospesi per effetti indesiderati gravi si rivolgono all’omeopata. Poiché l’effetto placebo per definizione è insito in qualsiasi terapia, non si capisce perché esso di dovrebbe attivare solo con l’omeopatia e non con l’allopatia. Perché dopo aver provato e riprovato con numerosi specialisti senza risultato un paziente dovrebbe guarire con l’effetto placebo al primo rimedio prescritto da un omeopata? Un quesito interessante, degno di essere studiato seriamente da tutti noi insieme e non solo da quegli “uomini di scienza” che negano un fenomeno solo perché non se lo sanno spiegare, atteggiamento anti-scientifico per definizione.
 
Gli attacchi e l’accanimento contro questo sistema di salute ci stanno rendendo più forti e coesi: a chi diamo fastidio, ci chiediamo? All’imponente mercato dei farmaci tradizionali a cui sottraiamo una piccola fetta di fatturato? Forse facciamo paura perché approfondiamo da sempre la complessità del malato, attribuendogli la dignità di persona che soffre, sottraendolo ad un riduzionismo esasperato sull’organo malato dilagante negli ultimi decenni, che sta preparando la strada a quello che entusiasticamente viene già chiamata “medicina di precisione” e personalizzata rivolta ai geni “difettosi”, neanche fossero parti di un’automobile da riparare? Rimarremo allora solo noi a curare i malati?
AMIOT – Associazione Medica Italiana di Omotossicologia
COII – Centro Omeopatico Italiano Ippocrate
FIAMO – Federazione Italiana Associazioni e Medici Omeopati
LUIMO – Ass per la Libera Università Internaz di Medicina Omeopatica “Samuel Hahnemann”
OMEOMEFAR – Associazione Medici e Farmacisti Omeopati
SIOMI – Società Italiana di Omeopatia e Medicina Integrata
SMB – Società Medica Bioterapica Italiana
 SIOV – Società Italiana di Omeopatia Veterinaria

…e la teoria dei sentieri?

un sentiero nell’erba si forma quando molte persone o animali seguono lo stesso tracciato in modo costante. Si perde quando più nessuno lo calpesta, diventa strada quando il numero di persone aumenta. Il sentiero dell’omeopatia non si è mai perso da 200 anni e ora, dopo gli anni bui, è tornato ad essere una strada sempre più frequentata e ampia. Camminiamo allegri e sorridenti perchè ormai neppure la più agguerrita finanza speculativa potrà spazzarla via.

Condividi questo articolo

Un commento su “L’omeopatia, la senatrice Elena Cattaneo e la teoria dei sentieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *